Su St Maur soffia uno Tsun-Ary azzurro

Arianna Errigo batte in finale Elisa Di Francisca e conquista la tappa di Coppa del Mondo di Saint Maur. Podio per Lee Kiefer e Carolin Golubitskiy. Olimpiade sempre più lontana per Vezzali e Batini, fermatesi nel tabellone delle 32.

 

Fin da subito ci eravamo fatti l’idea che quella di Cancun – uscita nel tabellone delle 64 per mano dell’americana Sabrina Massialas – fosse la classica scivolata che a tutti, anche ai più grandi, possono sempre capitare nel corso della carriera. E oggi Arianna Errigo ci ha impiegato davvero poco a confermare le nostre teorie, tornando a essere la cara vecchia Tsun-Ary ammirata molte in passato, capace di concedere alle avversarie solo le briciole e di tornare a trionfare in Coppa del Mondo a quasi un anno di distanza dall’ultimo urrah, datato novembre 2014 a Torino.

15-3 nel derby contro Valentina De Costanzo per aprire la giornata, poi proseguita con le altrettanto nette affermazioni sulle russe Ivanova e Zagidullina, mentre il 15-5 rifilato alla vincitrice di Cancun Ysaora Thibus, le ha spalancato le porte del podio. In semifinale, poi, è arrivato il 15-7 su una rediviva Carolin Golubitskyi, che artiglia il terzo gradino del podio in condivisione con l’americana Lee Kiefer, piegata non senza brividi da Elisa Di Francisca, che fulmina l’americana alla ventinovesima stoccata.

La finale poi è stata l’ennesima riproposizione del duello fra le due top fencer di casa Italia: tanto equilibrio – come sempre quando si affrontano Arianna ed Elisa – deciso dalla monzese con il guizzo nel minuto supplementare che vale il 12-11 della vittoria. Un risultato che per le due punte azzurre significa anche una seria ipoteca sul biglietto per Londra, dal momento che tanto Valentina Vezzali quanto Martina Batini chiudono la loro gara alla seconda diretta e, di fatto, ripongono se non definitivamente perlomeno per tre quarti abbondanti i loro sogni a Cinque Cerchi nel cassetto. Fa rumore la sconfitta della tre volte campionessa olimpica, battuta per 15-5 da Chiara Cini, mentre la pisana – che a Cancun era riuscita a tornare sul podio – cede alle russa Zagidullina, poi triturata da Arianna nel turno successivo.

Fra le altre azzurre, bella prova per Serena Teo, Carolina Erba e la stessa Chiara Cini, che terminano la loro gara a un passo dalla finale a otto. Spicca il bell’11-7 della Teo al bronzo mondiale Nizngha Prescod, prima che l’azzurra incocciasse nella Golubitsky, mentre Jeon e Thibus sollevano la paletta rossa a Erba e Cini. Nel primo assalto di giornata, invece, sono state eliminate Beatrice Monaco, Valentina De Costanzo e Alice Volpi, con la senese che purtroppo non è riuscita a replicare la bella prova di Cancun e ha dovuto lasciare subito strada all’americana Nicole Ross, impostasi sul 15-11.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

 
jizzrain.com/vd/2353-video

2 thoughts on “Su St Maur soffia uno Tsun-Ary azzurro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *