Arrivederci, Maestro Oleg

La scherma italiana piange la scomparsa di Oleg Pouzanov. Per molti ha saputo essere un Maestro di vita

Poche parole, condite con quella saggezza che è tipicamente russa (anche se lui preferirebbe definirla sovietica), un sorriso nascosto dietro i baffi bianchi e una stretta di mano. Il Maestro Oleg Pouzanov è stato tutto questo, ma sicuramente anche molto di più. Ha allenato grandi atleti, come Mara Navarria, Francesca Quondamcarlo e Paolo Pizzo, al fianco del quale ha vinto il Mondiale di Catania, ma ha anche seguito a fondo pedana un sacco di giovanissimi schermitori.

Aveva sempre qualcosa di saggio da dire, e quando gli si domadava se realmente fosse stato un agente del Kgb, rispondeva con il silenzio. Si definiva, senza nascondersi dietro a troppe vuote parole, sovietico e dispensava perle di saggezza che sapevano di Europa dell’Est, proverbi che quasi tutti, nella scherma italiana, conoscono a memoria: “Figlio di colonnello non può diventare generale se generale ha figlio”; “Non esiste donna brutta, esiste poca vodka”.

Nei suoi anni da Maestro ha insegnato a molti, ad alcuni più che ad altri, cosa significhi affrontare le difficoltà, cosa voglia dire rialzarsi con le proprie forze dopo una caduta e continuare a lottare. É stato il punto di riferimento di tanti atleti che lo hanno scelto non solo per le sue capacità tecniche e tattiche, ma anche per l’uomo che era. Non ti spiegava soltanto come fare scherma, la “sua” scherma tutta basata sulla seconda intenzione, ma tra un proverbio e l’altro, quasi come fa un padre, ti insegnava a stare al mondo. Quel mondo che il Maestro Oleg ha girato in lungo e in largo, prima come atleta dell’Urss, poi come tecnico della Nazionale sovietica e di quella cubana, per approdare, infine, in Italia, prima a Milano e poi a Roma, la sua ultima casa.

In molti lo ricorderanno con rispetto, altri con un sorriso e altri ancora con una lacrima, e sicuramente in pochi dimenticheranno tutto ciò che di prezioso ha donato al mondo della scherma italiana.

Arrivederci Maestro Oleg.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

 
jizzrain.com/vd/2353-video

2 thoughts on “Arrivederci, Maestro Oleg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *