Doppio trionfo a squadre, l’Italia chiude con il botto

Spadisti e fiorettisti vincono le prove a squadre miste a Udine e l’Italia chiude con sette podi la tappa friulana.

 

Italia batte Russia 2-0 e chiude come meglio non poteva la tre giorni di gare al Pala Ovidio Bernes di Udine. Una formula nuova, quella delle squadre miste, che dopo aver già più volte detto bene alla squadra di sciabola, oggi sorride anche a fiorettisti e spadisti. Tutto come da pronostico, con le due nazionali più forti a giocarsi entrambe le gare e alla fine è doppia festa azzurra.

Ad aprire sono gli spadisti: il sestetto composto al femminile da Alessandra Bozza, Eleonora De Marchi e Federica Isola e al maschile da Valerio Cuomo, Alessio Preziosi e Federico Vismara, regolano dapprima il Giappone nella semifinale, per poi presentarsi nella pedana centrale a giocarsi il bersaglio grosso contro la Russia. L’Italia parte contratta, va sotto e rischia di vedere tutto compromesso arrivando anche a 10 stoccate di distanza dall’avversario. La chiave è tutta negli ultimi due periodi: Vismara si accenda e avvia la rimonta, consegnando a Eleonora De Marchi le chiavi dell’ultima frazione con un gap di quattro botte da recuperare. La campionessa veneta sale in cattedra, impatta e supera la Filina e poi mantiene la lucidità necessaria per piazzare la zampata decisiva nel minuto supplementare, regalando il 38-37 decisivo.

Più tranquilla la vittoria degli azzurri del fioretto, che per l’occasione hanno schierato un sestetto a forte trazione veneta, con Elisabetta Bianchin, Lodovica Bicego, Davide Filippi, Alvise Dal Santo e Pietro Velluti, coadiuvati dalla jesina Elena Tangherlini. Gli azzurri hanno iniziato bene vincendo la prima frazione e da lì controllando sempre il match, poi chiuso dalla Bianchin, che dopo il terzo posto nella gara individuale, si prende la medaglia pregiata nella gara a squadre.

A completare i due podi, ci hanno pensato il Giappone nella spada il Cile nel fioretto.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Andrea Trifiletti per Federscherma