Terremoto in Indonesia, vacanze con il brivido per Aldo Montano

 

Tanta paura e una notte all’aperto per allerta Tsunami. Non è mancato certo il brivido per Aldo Montano e sua moglie Olga Plachina, in vacanza nelle Isole Gili, Indonesia, epicentro del violento terremoto il cui tragico bilancio parla di 90 morti e centinaia di feriti.

Lo schermidore livornese, mentre il sisma faceva tremare la terra, era fuori a cena e non in albergo: una vera fortuna, perché la struttura dove l’oro Olimpico alloggiava è andata completamente distrutta. Il seguente allarme Tsunami ha poi costretto il campione Olimpico di Atene 2004 e consorte a trascorrere la notte su una collinetta fino alla cessazione dell’emergenza.

«Siamo proprio dove si è registrato il terremoto» riporta l’edizione online della Gazzetta dello Sport «è stato terribile, hotel distrutto, per fortuna eravamo già andati a cena e poi abbiamo passato tutta la notte arroccati su una collinetta aspettando che rientrasse l’allarme tsunami. Una paura terribile. Ora ci hanno fatto evacuare dalle Gili e fra poco ci imbarchiamo per Bali, da lì decidiamo che fare».

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fiori d’arancio per Irene Vecchi e Marco Ciari

 

Lasciatasi alle spalle le fatiche della lunga stagione agonistica, per Irene Vecchi è tempo di nozze. La schermitrice azzurra, campionessa del Mondo a squadre a Lipsia e due volte bronzo individuale ai Mondiali, infatti, ha sposato oggi il suo compagno Marco Ciari, ex sciabolatore della nazionale azzurra e attuale commissario del settore sciabola per quanto concerne la scherma paralimpica.

Il matrimonio si è tenuto oggi, 4 agosto, a Livorno, città natale di entrambi. Alla coppia i migliori auguri di felicità da parte dell’intera redazione di Pianeta Scherma.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Foto: Paola Filippi

 

 

Sciabolatrici e fiorettisti approdano ai quarti di finale delle prove a squadre

 

Ci saranno entrambi i quartetti azzurri nella giornata conclusiva dei Mondiali di scherma a Wuxi, quella che mette in palio i titoli a squadre di fioretto maschile e sciabola femminile.

45-34 è il punteggio con cui Giorgio Avola, Andrea Cassarà, Alessio Foconi e Daniele Garozzo hanno avuto la meglio sull’Australia nell’unico match disputato oggi. Nella giornata di domani primo assalto contro la Polonia in una parte di tabellone in cui spicca il derby asiatico fra Corea del Sud e Giappone.

Identico punteggio quello che ha permesso alle sciabolatrici (Martina Criscio, Rossella Gregorio, Loreta Gulotta, Irene Vecchi) di avere la meglio sull’Azerbaijan e accedere ai quarti di finale dove affrontano l’Ungheria di Anna Marton e Liza Pusztai. Per le azzurre una potenziale semifinale contro la Russia.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

 

Sciabolatrici e fiorettisti in pedana domani per i turni iniziali delle prove a squadre

 

Non solo la caccia alle medaglie nelle gare di fioretto femminile e spada femminile (con l’Italia in lizza in entrambe): la giornata di domani, infatti, vedrà impegnati anche i quartetti di sciabola femminile (Martina Criscio, Rossella Gregorio, Loreta Gulotta, Irene Vecchi) e fioretto maschile (Giorgio Avola, Andrea Cassarà, Alessio Foconi, Daniele Garozzo) nei turni iniziali delle rispettive competizioni.

Già qualificate agli ottavi di finale le ragazze, che attendono la vincente del match fra Thailandia e Azerbaijan per conoscere l’avversaria del loro unico assalto di giornata. Stesso punto di partenza per i fiorettisti, che affronteranno per un posto ai quarti di finale la vincente di Australia – Cile.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Quarti di finale centrati per fiorettiste e spadisti

 

Ci saranno entrambe le squadre azzurre nelle fasi decisive delle prove a squadre di fioretto femminile e spada maschile a squadre ai Mondiali di Wuxi, che nella giornata di domani assegnano le medaglie.

Tutto molto facile per Chiara Cini, Arianna Errigo (tenuta a riposo), Camilla Mancini e Alice Volpi, che nell’unico assalto di giornata hanno liquidato con un perentorio 45-12 il Brasile. Ottima la prova di Chiara Cini, che ha chiuso le sue tre frazioni senza subire una sola stoccata. La gara delle azzurre ripartirà domani dai quarti di finale contro il Giappone.

Sarà invece la Svizzera l’avversaria degli spadisti nei quarti di finale di domani. Il quartetto composto da Marco Fichera, Enrico Garozzo, Paolo Pizzo e Andrea Santarelli, dopo aver battuto all’esordio l’Australia per 45-29, l’ha spuntata alla priorità contro la Spagna per 20-19.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Nella giornata di domani i turni preliminari della prova a squadre di fioretto femminile e spada maschile

 

Altra giornata intensa ai Campionati Mondiali di scherma di Wuxi: non solo il tabellone decisivo delle gare di sciabola maschile – con gli azzurri che esordiranno contro la Russia – e spada femminile – dove purtroppo non saranno presenti le azzurre, che oggi hanno chiuso none -ma anche le fasi preliminari dei tornei di fioretto femminile e spada maschile.

Già agli ottavi le fiorettiste (Chiara Cini, Arianna Errigo, Camilla Mancini, Alice Volpi), che attendono la vincente del match fra Egitto e Brasile per conoscere la loro avversaria nell’unico match di giornata. Più impegnativo il cammino degli spadisti (Marco Fichera, Enrico Garozzo, Paolo Pizzo, Andrea Santarelli) , che esordiranno nel tabellone dei 32 contro l’Australia.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Spada femminile: delusione azzurra, l’Italia eliminata agli ottavi di finale e nona

 

Si è chiusa con un amaro nono posto l’avventura delle spadiste azzurre nella prova a squadre di Wuxi. Nella giornata odierna, dedicata alle fasi preliminari fino ai quarti di finale, il quartetto composto da Alice Clerici, Rossella Fiamingo, Mara Navarria e Giulia Rizzi ha infatti chiuso la propria gara al nono posto.

Dopo la vittoria per 45.19 contro la Lituania nell’assalto iniziale, le azzurre sono state fermate agli ottavi di finale dalla Germania e quindi dirottate nel tabellone dei piazzamenti. Laddove sono arrivate le tre vittorie in serie contro Canada, Romania e Ucraina che hanno cristallizzato una deludente nona posizione. Domani l’assegnazione delle medaglie, in una gara senza Italia.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi