Nel fine settimana a Legnano la prima Prova Nazionale Cadetti di spada

 

Saranno quasi 800 gli atleti che, fra sabato e domenica, si sfideranno sulle pedane allestite al Pala Borsani di Legano per la prima Prova Nazionale Cadetti di spada. La gara lombarda è la prima tappa di qualificazione ai Campionati Italiani di Categoria che si disputeranno il prossimo maggio a Lecce.

Si inizia nella giornata di sabato 20 ottobre con la prova maschile, che vede iscritti 437 atleti. Domenica sarà poi la volta della prova femminile, con 384 tiratrici in lista. Per entrambe le prove, il via è previsto alle ore 9.00 del mattino.

Programma

Sabato 19 ottobre

Spada maschile Cadetti – Ore 9.00

Domenica 20 ottobre

Spada femminile Cadette – Ore 9.00

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Katrina Lehis e Sergey Khodos vincono le gare satellite di spada a Spalato

 

Un vero e proprio antipasto di Coppa del Mondo, in attesa del via ufficiale il prossimo mese di novembre. Questo sono state le due gare satellite di spada femminile e spada maschile che hanno animato il fine settimana di gare nella città croata di Spalato, ciascuna delle quali è stata all’insegna delle grandi firme.

Nella gara delle donne, infatti, a vincere è stata l’estone campionessa d’Europa Katrina Lehis, che nell’assalto decisivo per il gradino più alto del podio, ha battuto la russa Tatiana Andryushina per 15-5. Terzo gradino del podio per la romena Raluca Sbarcia e per l’ungherese Kata Mihaly, mentre fra le prime otto finaliste del torneo spicca anche il nome di Violetta Kolobova.

La gara maschile è stata invece appannaggio del russo Sergey Khodos, che in finale ha battuto per 15-13 il campione Panamericano, l’argentino Jesus Lugones Ruggeri. Piazzamento sul podio per un altro russo, Anton Glebko, e l’austriaco Josef Mahringer, che si sono fermati negli assalti di semifinale.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Buenos Aires 2018: a Liza Pusztai l’oro nella sciabola femminile

 

Doppietta ungherese nella sciabola ai Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires. Dopo la vittoria di Krisztian Rabb nella prova maschile, infatti, ieri è arrivata quella annunciata di Liza Pusztai nella gara femminile. Tutto come da pronostico, quindi, con la magiara che è arrivata a giocarsi il titolo con l’altra stellina del torneo, ovvero la messicana Natalia Botello.

15-8 il punteggio che ha consegnato alla Pusztai, due volte campionessa del Mondo Cadetti e già bronzo Europeo a livello assoluto (Tbilisi 2017), la medaglia più preziosa. Nella sfida per il bronzo, a spuntarla è stata la coreana Jueun Lee, brava a rimontare la belga Corteyn che aveva provato a scappare via nella prima fase del match.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Buenos Aires: il fioretto maschile parla francese, FIlippo Macchi si ferma ai quarti

 

Si è fermata ai quarti di finale l’avventura di Filippo Macchi nella prova di fioretto maschile ai Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires 2018. Il pisano è stato battuto infatti nell’assalto decisivo per l’accesso alla zona medaglie dal francese Armand Spichiger con il punteggio di 15-8.

Lo stesso transalpino ha poi conquistato l’oro dopo aver nettamente battuto in finale il campione del Mondo di categoria Under 17 Kenji Bravo, mentre una bella rimonta dall’11-13 ha premiato il danese Winterberg con la medaglia di bronzo ai danni del polacco Bem.

Oggi il programma della scherma si chiude con la prova a squadre miste continentali, mentre l’Italia mette a referto un bilancio individuale fatto di un oro, Davide Di Veroli nella spada maschile,  e di un argento, Martina Favaretto nel fioretto femminile.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Buenos Aires 2018: nella prova di spada femminile oro all’ucraina Kateryna Chorniy

 

Nella giornata di ieri ai Giochi Olimpici Giovanili Buenos Aires 2018 era in programma, oltre alla prova di spada maschile vinta da Davide Di Veroli, anche la gara al femminile.

A vincere è stata l’ucraina Kateryna Chorniy, che in finale è riuscita a superare con il punteggio di 11-9 la portacolori di Hong Kong, nonché campionessa del Mondo di categoria lo scorso aprile a Verona, Hsieh Kaylin Sin Yan, fra le favorite alla vigilia per la vittoria finale. Medaglia di bronzo per l’atleta ceca Veronika Bieleszova, che nella finalina con in palio il terzo posto ha battuto per 9-8 la belga Axelle Wasiak.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Buenos Aires 2018: all’ungherese Rabb l’oro nella sciabola maschile

 

Non solo fioretto femminile – dove è arrivato l’argento di Martina Favaretto nella gara vinta da Yuka Ueno – nel programma della prima giornata di gare ai Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires 2018: ad essere assegnato, infatti, anche il titolo della sciabola maschile, in cui non erano in gara atleti azzurri.

A vincere è stato l’ungherese Krisztian Rabb, che nell’assalto decisivo per la medaglia d’oro si è imposto per 15-13 contro il portacolori della Corea del Sud Jun Hyun. La medaglia di bronzo è andata invece all’egiziano Mazen Elaraby, che ha battuto 15-10 lo statunitense Robert Vidovszky nella finalina che metteva in palio il terzo posto.

Oggi il programma prevede le due gare di spada, con l’Italia che si gioca la seconda carta, Davide Di Veroli, impegnato nella prova maschile.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Podio per Olga Calissi nella prova satellite di fioretto femminile a Copenaghen

 

Dopo la vittoria di Davide Filippi nella prova maschile di ieri, Copenaghen si dimostra ancora una volta benevola verso i colori azzurri impegnati nella due giorni di fioretto valida come gara satellite: nella gara femminile, infatti, è arrivato il terzo posto di Olga Rachele Calissi.

La fiorettista livornese è stata infatti fermata in semifinale dalla canadese Kelleigh Ryan (14-11 il punteggio a favore della nordamericana), poi vincitrice della gara dopo aver battuto per 15-9 Amita Berthier di Singapore. Podio anche per l’austriaca Olivia Wolgemuth, mentre si sono fermate ai piedi di esso tanto Marta Cammilletti – battuta dalla Berthier – quanto Marta Ricci, che ha dovuto lasciare strada alla Ryan.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Foto: Bizzi