Spada maschile: 7 azzurri nel main draw a Berna

 

Saranno 7 gli spadisti azzurri in gara domani nel tabellone principale della prova individuale di spada maschile a Berna. Ai già qualificati Paolo Pizzo, Enrico Garozzo, Marco Fichera e Andrea Santarelli, si sono oggi aggiunti Gabriele Cimini, Lorenzo Buzzi e Matteo Tagliariol, tutti e tre bravi a strappare il pass già dopo i gironi ed evitare così gli assalti ad eliminazione diretta.

Quelli fatali a Giacomo Paolini, Federico Vismara, Edoardo Munzone e Valerio Cumo, mentre l’ultimo azzurro in gara, Lorenzo Bruttini, era già stato eliminato al termine della fase a gironi. Questi gli accoppiamenti per il primo turno di domani (via alla gara alle 9.00, diretta video e scritta su Pianeta Scherma)

Pizzo – Fardzinov (Rus)
Cimini – Szeny (Hun)
Garozzo – Correnti (Fra)
Tagliariol – Shi (Chn)
Buzzi – Khodos (Rus)
Santarelli – Ibanez (Esp)
Fichera – An (Kor)

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi/Fie

Spada maschile: i 12 italiani per la gara di Berna

Sono dodici gli spadisti azzurri in gara nella prima prova stagionale di Coppa del Mondo in programma fra venerdì e domenica sulle pedane di Berna, in Svizzera.

Si tratta di Lorenzo Bruttini, Lorenzo Buzzi, Gabriele Cimini, Valerio Cuomo, Marco Fichera, Enrico Garozzo, Edoardo Munzone, Giacomo Paolini, Paolo Pizzo, Andrea Santarelli, Matteo Tagliariol, Federico Vismara.

Già certi di un posto al tabellone principale Pizzo, Garozzo, Santarelli e Fichera, per tutti gli altri azzurri invece la gara inizia già nella giornata di domani con i gironi e gli eventuali assalti dei tabelloni preliminari. Domenica la prova a squadre, Italia con l’ormai consolidato quartetto composto da Marco Fichera, Enrico Garozzo, Paolo Pizzo e Andrea Santarelli.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi/Fie

Coppa del Mondo 2016/2017, i vincitori

Secondo posto per Daniele Garozzo, Luca Curatoli e Paolo Pizzo. Vincono Massialas, Gu e Borel. A squadre, due secondi e un terzo posto per l’Italia. Continue reading