Cima si ferma ai quarti di finale, I’Italia rimane a secco nella terza giornata

 

Dopo la scorpacciata di medaglie nelle prime due giornate, oggi arriva la prima battuta d’arresto per la squadra italiana ai Campionati Europei di scherma paralimpica: dopo essere rimasti a secco nelle gare della mattinata, infatti, gli azzurri non sono riusciti ad artigliare un metallo nemmeno nella serata.

Il più vicino a centrare l’obiettivo è stato Marco Cima, che si è fermato ai quarti di finale della prova di sciabola maschile categoria B: per l’atleta di Vetralla, lo stop è arrivato per mano di Adrian Castro, bravo a rimontare Cima che si era portato avanti sul 12-10. Lo stesso Castro ha poi vinto il titolo in un derby tutto polacco contro Gregorsz Pluta (15-11), con il francese Maxime Valet e il greco Panagiotis Tryantafyllou a prendersi il bronzo. Stop agli ottavi per Gianmarco Paolucci, out già dopo i gironi Michele Vaglini e Dennis Masiero.

Irina Mishurova è invece la vincitrice della prova di spada femminile categoria B: la russa, in lacrime dopo la dura lezione subita da Bebe nella finale della gara di fioretto di ieri, ha oggi ritrovato il sorriso dopo aver nettamente battuto in finale la bielorussa Alesia Makrytskaya. Podio per le ucraine Olena Fedota e Tetiana Pozniak, mentre in casa Italia le migliori sono state Alessia Biagini e Rossana Pasquino, la cui gara è finita agli ottavi di finale, mentre Matilde Spreafico e Michela Pierini sono state eliminate già dopo la fase a gironi.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Mattinata stregata per gli azzurri, festeggiano Morkvych e Shaburov

 

Nessuna medaglia per gli atleti azzurri impegnati nella sessione mattutina della terza giornata di gare al Pala De Santis di Terni, con in programma le prove individuali di sciabola femminile Categoria A e spada maschile Categoria A.

Fra le sciabolatrici, fuori agli ottavi di finale Loredana Trigilia, Andreea Mogos e Sofia Brunati, mentre già ai gironi era finita la gara di Liliana Tolu. A vincere è stata la fuoriclasse ucraina Natalya Morkvych, che in finale ha battuto nettamente la georgiana Nino Tibiashvili (15-4), con podio per Yevheniia Breus (Ukr) e Amarilla Veres (Hun).

Delusione anche per gli spadisti impegnati nella gara di categoria A: Emanuele Lambertini e Matteo Betti, i migliori di oggi, si sono fermati agli ottavi di finale, mentre al tabellone dei 32 era finita la gara di Edoardo Giordan e Matteo Dei Rossi. Alla fine è stata una vera festa russa, con la vittoria di Maxim Shaburov su Piers Gilliver  al termine di un combattutissimo e spettacolare assalto, e i due bronzi andati a Artur Yusupov e Mikhail Karpov.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

 

Terni: a Dmitry Coutya la spada maschile Categoria B

 

Vittoria britannica nella prova di spada maschile Categoria B, ultima delle quattro gare in programma in questa seconda giornata di gare ai Campionati Europei di scherma paralimpica di Terni. Dmitri Coutya, campione del mondo in carica nella disciplina, ha centrato il titolo europeo al termine di una finale senza storia contro il bielorusso Andrey Pranevich.

Due russi invece si sono presi le medaglie di bronzo: Konstantin Beych e Alexander Kuzyukov. Lontani dal podio gli azzurri (Lorenzo Major, Michele Vaglini e Davide Costi), la cui gara è terminata dopo la fase a gironi.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Il fioretto porta ancora medaglie all’Italia, è argento per Andreea Mogos nella Categoria A

L’azzurra si ferma solo in finale contro la Hajmasi. Stop ai quarti per Loredana Trigilia. Continue reading