Grand Prix Torino, il bilancio di Andrea Cipressa

Una vittoria e due terzi posti. Così l’Italia chiude il Grand Prix di Torino di fioretto 2016. Un bilancio che lascia soddisfatto Andrea Cipressa. Continue reading

Andrea Cipressa: «Il pubblico di casa ci aiuterà a fare bene»

 

Alla vigilia della gara casalinga di Torino, il ct del fioretto azzurro Andrea Cipressa ha rilasciato al sito ufficiale della Federazione Italiana Scherma alcune dichiarazioni: «La gara di Torino ha sempre un sapore particolare. Siamo chiamati infatti a dare il massimo per ripagare la grande attenzione e l’entusiasmo con il quale ogni anno il pubblico di Torino ci accoglie e ci sostiene. In alcuni casi il pubblico è stato anche determinante nel conseguimento dei risultati eccellenti che siamo sempre riusciti ad ottenere sulle pedane del PalaRuffini».

L’Italia, tanto al maschile quanto al femminile, arriva alla gara di casa sull’onda degli ottimi risultati ottenuti in avvio di stagione: «Quest’anno arriviamo in buono stato di forma complessivo del gruppo. Tra le donne, le prime due gare di stagione hanno ribadito il ruolo di grande protagonista di Arianna Errigo, ma anche alcune belle prestazioni da parte di atlete giovani e che si candidano ad essere tra le prim’attrici del nuovo quadriennio. In ambito maschile, sia a Il Cairo che a Tokyo siamo saliti sul podio con cinque atleti diversi. Ci manca ancora di salire sul gradino più alto del podio, ma il percorso intrapreso  è quello giusto».

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma
jizzrain.com/vd/2353-video

VIDEO – Dietro le quinte dell’Italfioretto con Andrea Cipressa

 

Da quattro anni Andrea Cipressa ricopre il ruolo di Ct della nazionale di fioretto, occupandosi tanto del settore Giovani quanto quello Senior. E in questo video della FIE ci porta dietro le quinte del suo lavoro, raccontandoci il suo modo di vivere gli assalti, i consigli che dispensa ai suoi ragazzi in pedana, ma anche la responsabilità e la pressione che deriva dall’essere alla guida di una delle più grandi potenze schermistiche mondiali.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

 
jizzrain.com/vd/2353-video

La scherma azzurra vicina alla città di Norcia colpita dal sisma

 

I drammatici eventi sismici degli ultimi giorni che hanno colpito il centro Italia e, in particolare, la città di Norcia non hanno lasciato indifferenti i vertici e gli atleti della Federazione Italiana Scherma: dal 20120, infatti, Norcia è sede fissa del ritiro della nazionale di fioretto. Una vicinanza che il Presidente Federale Giorgio Scarso, il ct Andrea Cipressa e il campione olimpico di fioretto maschile Daniele Garozzo hanno voluto esprimere tramite il sito federale.

Giorgio Scarso – Siamo sinceramente vicini col cuore a ciascuno dei cittadini di Norcia. In questi anni tra la scherma italiana ed il territorio norcino è nato e si è sviluppato un legame forte e solido, che nemmeno un terremoto così violento può scalfire. Stiamo vivendo con ansia e preoccupazione questi momenti di emergenza e siamo pronti a dare il nostro contributo nelle forme e nei modi che, insieme con le istituzioni del territorio, si prospetteranno. Ciò che è certo – conclude il vertice federale – è che la scherma italiana non abbandonerà Norcia, ma anzi, non appena sarà conclusa la fase emergenziale e ci sarà la possibilità, si tornerà a fare del centro norcino un punto di riferimento non solo per il fioretto azzurro ma per tutto il nostro movimento

Andrea Cipressa – Norcia in questi anni ci ha adottato e coccolato e c’è un pò di quella città nei tanti successi di questi anni del fioretto italiano. Vedere oggi quella che rappresenta la nostra “seconda casa” così ferita, ci addolora sinceramente. Già ieri ho contattato la famiglia Bianconi che ci ospita nelle strutture alberghiere, dando la nostra disponibilità per qualunque iniziativa possa essere utile, ma soprattutto annunciando che, appena ci saranno nuovamente le condizioni, torneremo a Norcia. E’ il nostro modo essere vicini a loro

Daniele Garozzo – Viviamo circa 100 giorni l’anno a Norcia e quelle strade, quella piazza e quei luoghi sono per noi luoghi familiari dove abbiamo preparato Europei, Mondiali e le Olimpiadi. Ci hanno sempre accolto nel migliore dei modi e ci siamo sentiti a casa. Adesso tocca a noi farci sentire vicini e siamo pronti a fare la nostra parte. Non vedo l’ora di tornare a Norcia per abbracciare i tanti amici che oggi soffrono.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook
jizzrain.com/vd/2353-video