Fioretto femminile: Camilla Mancini nel “Dream Team” ad Algeri

 

Nella prossima tappa di Coppa del Mondo di fioretto femminile, ci sarà una novità in seno al quartetto azzurro che prenderà parte alla prova a squadre prevista per il giorno 14 gennaio. A completare il “Dream Team” assieme alle confermatissime Martina Batini, Arianna Errigo ed Alice Volpi, infatti, ci sarà Camilla Mancini. La ventiduenne frascatana, grande promessa del fioretto azzurro, è stat protagonista di un buon avvio di stagione, condito dal podio sfiorato a Cancun – sconfitta di misura contro Arianna errigo, che poi avrebbe vinto – e dalle convincenti prestazioni di Siant Maur e Torino.

«Sono felicissima per la convocazione» il commento di Camilla riportato dalla pagina Facebook del suo club, il Frascati Scherma, «è una grande soddisfazione e un passo avanti. So bene, però, che questo non significa essere arrivati e che per mantenere questo posto bisogna lavorare tanto e fare risultati. Per questo motivo non voglio proiettarmi troppo in avanti, ma devo lavorare come ho sempre fatto e rimanere con i piedi per terra».

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografie  Tay Pamart/Bizzi/Fie

 
jizzrain.com/vd/2353-video

Fioretto femminile: il punto sul fine settimana di Cancun

A Cancun l’Italia domina fin dal primo giorno e centra il pieno di successi. Arianna Errigo da record, la prima volta sul podio di Elisa Vardaro, la bella prova di Camilla Mancini. E il ritorno al successo del Dream Team. L’analisi del week-end. Continue reading

Fioretto femminile: le Fiamme Gialle vincono la Coppa Europa

 

Ancora un successo per il Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle nei trofei continentali per club: dopo le vittorie nel fioretto maschile (a Torino) e nella sciabola maschile (a Padova), infatti, è arrivata anche quella nella competizione di fioretto femminile ,andato ieri di scena a Bucarest. A firmare il trionfo sono state Olga Calissi, Carolina Erba, Camilla Mancini e Beatrice Monaco.

Il cammino delle fiorettiste italiane è cominciato ai quarti battendo per 45-30 le ucraine del TSVm Kiev e chiuso avendo la meglio in finale sulle padrone di casa della Steaua Bucarest, regolate con un netto 45-25. In mezzo, il 45-28 con cui le Fiamme Gialle hanno strappato il pass per l’assalto decisivo ai danni di un’altra squadra romena, quella del CSU Poli Timișoara.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook
jizzrain.com/vd/2353-video

Argento d’arte

Due medaglie per l’Italia dalla gara di fioretto femminile riservata alle Under 20: argento per Erica Cipressa, bronzo per Camilla Mancini. Cimini a una stoccata dalla medaglia nella prova di spada maschile. Continue reading

Tre vittorie tra gli under 20

Successi per Del Macchia, Mancini e Mormile. A podio Rosatelli, Palumbo, Passaro, Curatoli e Affede. Continue reading

Voglio solo divertirmi

Tra le under 20, ormai, è hors categorie, qualcosa di molto vicino all’imbattibile. Camilla Mancini viene da una stagione in cui ha vinto tutto quello che c’era in palio: Mondiali, Europei e Coppa del Mondo giovani. Se non fosse italiana, probabilmente, sarebbe in pianta stabile nella squadra titolare assoluta, ma qui si trova a fare i conti con le Errigo, le Di Francisca, le Vezzali, le Erba, le Volpi, le Durando e chi più ne ha più ne metta. Questo è il suo ultimo anno da under 20, poi il grande salto sarà un obbligo. Intanto c’è ancora da vincere e dominare.

Come hai fatto a ricaricare le pile dopo una stagione in cui avevi vinto tutto il possibile?
Nonostante l’anno scorso sia stato il più bello della mia carriera non mi sono mai sentita arrivata né una campionessa indiscussa. Ad ogni gara cerco di ripartire da zero, non voglio arrivare a tirare un assalto e volere la vittoria solo perché ormai tutti se lo aspettano, è un errore che in passato ho fatto, ma non intendo ripeterlo. Se sali in pedana con l’intenzione di divertirti è facile ricaricare le pile.

La prima gara della stagione non è andata benissimo, poi una vittoria e un secondo posto. Ti senti di nuovo la più forte?
Sinceramente so di essere una che può giocarsi ogni titolo nell’under 20, ma la maggior parte delle volte la differenza è mentale, l’anno scorso sono stata la più brava a mantenere sotto controllo questo aspetto, spero di riuscire a fare lo stesso quest’anno.

A furia di dominare la categoria giovanile non hai mai sentito mancare le motivazioni?
Non ho mai sentito mancare le motivazioni, ma a volte ho pensato più al dovere che al piacere. Approcciavo la gara con il ‘must’ di doverla vincere e non di volerla vincere, dimenticandomi del fatto che alla fine è tutto un gioco e si vince divertendosi.

Hai già tirato e tirerai anche quest’anno con gli assoluti. Quanto è difficile il passaggio di categoria?
È sicuramente lo scoglio più difficile da superare, non bisogna essere solo forti tecnicamente ma anche mentalmente maturi. Inoltre ogni avversario ha un bagaglio di esperienza enorme, e non è sempre detto che il più forte tecnicamente vinca l’assalto, mentre in genere negli under 20 è cosi.

In questi anni a livello giovanile, qual è stata l’avversaria che ti ha dato più fastidio?
Beh ci sono state molte atlete che ho temuto e che temo tuttora. La Kiefer per esempio, anche se in tutti questi anni l’avversaria con cui ho battagliato di più è la mia storica compagna di stanza Francesca Palumbo. Sin dagli under 14 ci sfidavamo sempre in finale.

Il movimento Usa sta crescendo. L’anno scorso hai incontrato Lee Kiefer, che era stata finalista a otto a Londra 2012, e l’hai battuta. Perché lei ha già risultati di prestigio tra gli assoluti e tu ancora no?
Gli americani non avendo una grande storia alle loro spalle hanno investito molto sui giovani, che hanno iniziato a fare esperienza molto presto. La Kiefer fa gare assolute da anni ormai, forse ancora prima che io iniziassi a fare le gare under 20. Questo non vuol dire che non sia forte, ma ha avuto modo di maturare molto prima

Quali sono i tuoi programmi per quest’anno? Pensi di poter ripetere la tripletta Europeo, Mondiale, Coppa dell’anno scorso?
Sicuramente questo è il mio obiettivo principale, essendo l’ultimo anno nell’under 20 voglio racimolare un bel po’ di medaglie perché non credo ne vedrò molte da assoluta per il resto mi piacerebbe continuare a fare qualche gara con i grandi, è una bella esperienza!

 

Twitter: GabrieleLippi1

Foto di Augusto Bizzi per Federscherma

jizzrain.com/vd/2353-video