La spada azzurra brilla ancora, Caforio d’argento fra le Cadette

L’azzurra battuta dall’ungherese Muhari, che fa doppietta Euroepeo e Mondiale. Podio per Buki e Janelli. Continue reading

Davide Di Veroli vince la Coppa del Mondo di spada maschile Under 20

 

Con l’argento conquistato ieri nella prova iridata di Torun, Davide Di Veroli si è assicurato la classifica finale di Coppa del Mondo Under 20 nella spada maschile. Un successo meritato, al termine di una stagione – la sua prima ufficialmente da Giovane – di grande maturità contraddistinta anche dal bronzo agli ultimi Campionati Europei a Foggia.

Clicca qui per il ranking completo.

1 135 DI VEROLI Davide ITA 18.08.01
2 126 PHILIPPE Arthur FRA 31.10.99
3 113 NAGY David HUN 14.07.99
4 105 JURKA Jakub CZE 13.06.99
5 100.5 KOCH Mate Tamas HUN 18.07.99
6 99 CAMARGO Alexandre BRA 25.04.99
7 92 BUZZACCHINO Gianpaolo ITA 29.11.99
8 91 DE MOLA Daniel ITA 21.10.99
9 85.5 HASANOV Ruslan AZE 26.01.01
10 77.5 ANDRASFI Tibor HUN 10.12.99

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

 

 

VIDEO – Spada femminile Under 20: la finale tutta italiana fra Federica Isola e Gaia Traditi a Torun

 

Una finale, mille emozioni. L’Italia della spada femminile Under 20 celebra al meglio la sua grande giornata con la doppietta firmata da Federica Isola e Gaia Traditi: per la vercellese è il coronamento di un lungo inseguimento e il migliore dei congedi dalla categoria Giovani, per la sua compagna una bellissima medaglia d’argento.

Un assalto, quello fra le due azzurre, che vi riproponiamo integralmente in video.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Mondiali Cadetti e Giovani Torun 2019: il medagliere dopo la settima giornata

 

Italia che prende la fuga sotto l’aspetta quantitativo dopo le quattro medaglie arrivate oggi, ovvero la doppietta Isola-Traiditi nella gara femminile e le due arrivate dalla spada maschili firmate Davide Di Veroli e Gianpaolo Buzzacchino. Ma davanti c’è sempre la Russia, che pur avendo meno metalli complessivi, comanda con 5 ori proprio davanti a Italia e Stati Uniti.

Domani tocca alle prove individuali di spada categoria Cadetti.

NAZIONE TOTALE
Russia 5 2 1 8
ITALIA 3 4 8 15
Usa 2 1 5 8
Ungheria 2 0 0 2
Francia 1 2 0 3
Ucraina 1 0 0 1
Corea del Sud 0 1 4 5
Giappone 0 1 2 3
Messico 0 1 0 1
Romania 0 1 0 1
Germania 0 1 0 1
Bulgaria 0 0 1 1
Cina 0 0 1 1
Egitto 0 0 1 1
Azerbaijan 0 0 1 1

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Di Veroli e Buzzacchino, l’Italia fa festa anche con la spada maschile

Argento per Davide Di Veroli, che vince la Coppa del Mondo. Bronzo per Gianpaolo Buzzacchino. Oro al francese Philippe. Continue reading

Confermata la rottura del crociato per Serena Rossini

 

Purtroppo quello che si temeva fin dalla vigilia è stato confermato: l’infortunio rimediato da Serena Rossini durante le prova individuale della gara giovani di fioretto si è rivelato in tutta la sua gravità al suo rientro in Italia: rottura del legamento crociato con interessamento del menisco esterno.

A comunicarlo la stessa giovane fiorettista marchigiana in un lungo post sui canali social in cui racconta anche la dinamica dell’incidente. Con la promessa di tornare più forte di prima. Da parte della redazione di Pianeta Scherma i migliori auguri di un pronto rientro in pedana alla sfortunata atleta.

Visualizza questo post su Instagram

A volte basta una frazione di secondo, un istante, per cambiare tutte le carte in tavola. Ero in pedana, mi stavo giocando un mondiale, una gara a cui tenevo particolarmente in quanto l’ultima di categoria. Era senza dubbio un periodo positivo, le cose avevano finalmente preso la giusta piega, mente e corpo erano in armonia. Da poco reduce da un oro europeo sognavo di concludere in bellezza la mia carriera giovanile. Secondo match di girone, mentre arretro con un passo indietro, sento all’improvviso un “clock” senza rumore al ginocchio sinistro, cosi forte che non esito ad accasciarmi a terra ed inizio ad urlare disperatamente. Accorrono i soccorsi di medici e fisioterapisti che non esitano a ritirarmi dalla gara sospettando un grave infortunio. Tra pianti, dolore e difficoltà logistiche (voli e spostamenti vari) ritorno subito in italia, a casa, in attesa di fare accertamenti ed esami. Risonanza terminata, non faccio in tempo nemmeno ad uscire dalla porta e arriva il responso: rottura del legamento crociato anteriore e lesione del menisco laterale. L’amarezza, la tristezza ma sopratutto la rabbia è tanta, perchè solo io e chi mi è stato vicino sa quanti sacrifici ho fatto quest’anno, quanti cambiamenti affinchè tutto andasse del migliore dei modi e, veder svanire tutto cosi in un attimo, senza un apparente motivo è cosi frustrante. Purtroppo questa è la vita e sicuramente di fronte al destino non ci si puó far nulla, se non prenderne atto e reagire. Sono forte e lo saró ora piu che mai. TORNERÓ PIÚ FORTE DI PRIMA! parola di Serry. Grazie a tutti per l’affetto e il sostegno che mi state dando, siete speciali❤️

Un post condiviso da Serena Rossini (@_serenarossini_) in data:

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi