Sciabola maschile: a Padova ancora un trionfo per le Fiamme Gialle nella Coppa Europa per società

 

Le Fiamme Gialle si sono aggiudicate per la quarta volta la Coppa Europa per società di sciabola maschile nella gara disputatasi oggi alla Kioene Arena di Padova, teatro nel fine settimana dell’edizione numero 62 del Trofeo Luxardo.

La formazione italiana, composta da Enrico Berrè, Francesco D’Armiento, Alberto Pellegrini e Luigi Samele ha sigillato la vittoria finale grazie al 45-33 contro i romeni della Dinamo Bucarest. In precedenza, le Fiamme Gialle avevano battuto ai quarti di finale gli spagnoli del Club Esgrima de Madrid e in semifinale i francesi di Souffel Escrime.

Terza piazza per il quartetto delle Fiamme Oro (Leonardo Affede, Francesco Bonsanto, Riccardo Nuccio, Stefano Scepi), che dopo aver perso in semifinale contro la Dinamo, ha artigliato il terzo gradino del podio contro la formazione francese. Da segnalare la bella prova della Fides Livorno, che pur schierando una formazione molto giovane (due diciottenni, un diciassettenne e un quindicenne) composta da Pietro Torre, Edoardo Cillari, Edoardo Cantini, Edoardo Castellani, si è ben comportata e ha chiuso al settimo posto dopo la vittoria contro Madrid.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Trifiletti/Bizzi

Fioretto maschile: le Fiamme Gialle si aggiudicano la Coppa Europa per Club

 

A Torino si è svolta oggi l’appendice alla tre giorni del Grand Prix di fioretto con la prova maschile a squadre valida per la Coppa Europa per Club. A vincere è stato il quartetto delle Fiamme Gialle, composto da Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Guillaume Bianchi e Daniele Garozzo.

La squadra della Guardia di Finanza, dopo aver passato il girone preliminare, ha battuto nell’ordine il Club Scherma Pisa ai quarti (45-30) e i francesi del Melun Val de Seine (45- 25), prima di avere la meglio nella finalissima contro i russi del CSKA Mosca del campione del Mondo di Lipsia Dmitry Zherebchenko e del fresco leader del ranking Mondiale, Timur Safin.