Laura Flessel rassegna le dimissioni da Ministro dello sport francese

 

Laura Flessel non è più il Ministro dello Sport del governo guidato da Eduard Philippe. La due volte campionessa olimpica di spada femminile, infatti, ha rassegnato nella giornata di ieri, 4 settembre, le proprie dimissioni dall’incarico che rivestiva dallo scorso maggio.

Motivi personali alla base della decisione presa dalla Flessel che, nel comunicato tramite cui ha annunciato la propria volontà di rinunciare al Ministero spiega così le dimissioni: «È per ritornare agli impegni passati, rivolti giustamente alla solidarietà e alla cooperazione internazionale, che oggi (ieri, ndr) ho preso la decisione di proseguire il mio operato per altre vie».

Nuovo Ministro dello sport è un’altra gloria dello sport francese, ovvero la ex nuotatrice Roxana Maracineanu, campionessa del Mondo nel 1998 nei 200 dorso (diventando la prima nuotatrice francese a fregiarsi di tale titolo) e argento Olimpico due anni più tardi a Sidney nella medesima prova.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia AFP

Laura Flessel ministra dello sport in Francia

 

La spadista due volte campionessa Olimpica Laura Flessel è stata nominata ministra dello sport nel nuovo governo francese. Nella sua carriera sportiva, chiusa nel 2012 dopo l’Olimpiade di Londra (dove è stata portabandiera della spedizione francese), la Flessel ha vinto cinque medaglie olimpiche (fra cui il doppio oro ad Atlanta nel 1996) e 13 Mondiali, entrando nella storia come una delle più grandi interpreti della specialità e ispirando generazioni di spadiste francesi e non solo, fra cui la nostra Rossella Fiamingo.

Prima di lei, un altro schermidore francese, Jean-François Lamour – anche lui vincitore di due medaglie d’oro alle Olimpiadi, nella sciabola maschile fra 1984 e 1988 – aveva ricoperto la medesima carica fra 2002 e 2007. Fra i messaggi di felicitazione, anche quelli di Valentina Vezzali, giunti via Twitter.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia AFP