Secondo posto per Marta Cammilletti nella gara satellite di fioretto femminile a Bucarest

 

Nel fine settimana, Bucarest ha ospitato una prova di Coppa del Mondo satellite di fioretto, con la disputa delle gare maschile e femminile. Proprio da quest’ultima è arrivato il secondo posto di Marta Cammilletti: l’azzurra, è stata battuta in finale dall’atleta di casa Malina Calugareanu, che si è imposta per 15-13. Sul podio si sono piazzate anche la turca Irem Karamete (fermata in semifinale proprio dalla Cammilletti)  e la messicana Nataly Michel.

La gara ha avuto un’ospite di eccezione: a cimentarsi con il fioretto, infatti, anche Ana Maria Branza. L’olimpionica a squadre di spada, ha chiuso la sua gara al tabellone delle 32 per mano di Maria Boldor dopo aver ottenuto comunque quattro vittorie nella fase a gironi.

Nella prova maschile, disputatasi nella giornata di sabato, vittoria per Martino Minuto, che ha battuto in finale lo spagnolo Breteau mentre sul terzo gradino del podio sono saliti il cileno Silva e il romeno Dascalu.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia FRS

Fioretto femminile: Italia protagonista nella gara satellite di Barcellona

 

Un secondo posto, un terzo e tre atlete complessivamente nelle prime otto. Questo il bilancio in chiave azzurra della prova satellite di fioretto femminile disputatasi sabato a Barcellona.

Nella gara vinta dalla colombiana Saskia Van Erven Garcia, a fermarsi al secondo posto è stata Marta Cammilletti. L’atleta bustocca, che in semifinale aveva fermato per 15-10 Elisabetta Bianchin (terza assieme alla spagnola Maria Teresa Diaz), è stata poi battuta per 15-11 dall’allieva di Fabio Maria Galli a Frascati. Entra nelle otto anche Claudia Borella, che si ferma ai quarti di finale e chiude al quinto posto.

Nella gara maschile, vittoria per un altro “frascatano”, lo spagnolo Carlos Llavador: decisivo, ai fini del successo finale, il 15-13 al vice-campione Olimpico di Londra 2012 Alaaeldin Abouelkassem. Podio anche per Martino Minuto e per il francese Thibault Bakkat. Fra gli italiani, il miglior risultato è l’undicesimo posto per Alessandro Bertolazzi.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Van Erven/Facebook

Fioretto femminile: Marta Cammilletti seconda nella gara satellite di Antalya

 

Ancora un podio per Marta Cammiletti nel circuito delle gare satellite di fioretto femminile. Dopo quello centrato a Bratislava (e a Danzica in una prova valida per il Circuito Europeo Under 23), infatti, la fiorettista di Busto Arsizio ha centrato il secondo posto nella prova disputatasi questo sabato ad Antalya, in Turchia.

Il cammino dell’azzurra, iniziato con una fase a gironi costellata da sei vittorie in altrettanti assalti, è poi proseguito spedito fino alla finale, dove è stata battuta per 15-8 dalla colombiana Saskia Loretta Van Erven Garcia.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

 

Fioretto: Olga Calissi vince a Bratislava, podi per Marta Cammilletti e Filippo Guerra

 

Nel fine settimana, a Bratislava, si sono disputate le prove di fioretto del Circuito Europeo Under 23, prove satellite di Coppa del Mondo. Una due giorni che all’Italia ha regalato un doppio podio al femminile e il secondo posto di Filippo Guerra al maschile.

Fra le ragazze, a vincere è stata Olga Rachele Calissi. La fiorettista livornese, ha centrato il successo finale dopo aver battuto nell’assalto decisivo per 15-6 la statunitense Margaret Lu – medaglia d’argento a squadre all’ultimo Mondiale di Lipsia e titolare del quartetto Usa in Coppa del Mondo – “vendicando” così Marta Cammilletti, che in semifinale era stata superata per 12-11 proprio dalla Lu, chiudendo così la sua gara al terzo posto. Fra le otto si piazza anche Laura Borella, classe 2001, e figlia d’arte, mentre complete il podio la romena Malina Calugareanu.

Nella gara maschile, vinta da Alexander Choupenitch, arriva il secondo posto di Filippo Guerra. L’azzurro è stato battuto in finale per 15-10 proprio dal ceco. Podio anche per il giapponese Rikuto Takeda e per il croato Ivan Komsic.