Fencing Mob 2018: sarà la Galleria Vittorio Emanuele a fare da sfondo all’evento milanese

 

Sarà la Galleria Vittorio Emanuele ad ospitare l’evento milanese legato a Fencing Mob 2018. L’annuale “invasione” degli schermidori, tradizionale inizio di stagione da cinque anni a questa parte, è stata presentata oggi (per quanto concerne la metropoli meneghina, con eventi analoghi che sono previsti in tutto il Mondo) in una conferenza stampa tenutasi presso il Palazzo Sorgenia, main sponsor dell’evento, in zona Fiera, a pochi passi da quel Mi.Co che lo scorso giugno ha ospitato gli Assoluti Sorgenia Milano 2018.

E proprio sottolineando il successo di tale manifestazione, Roberta Guaineri, Assessore allo Sport del Comune di Milano ha voluto ribadire la grande attenzione che Palazzo Marino riserva sempre a tutte le manifestazioni sportive: «Fa sempre piacere vedere sfilare per strade persone di tutte le età che praticano la scherma» ha detto la stessa Guaineri nel corso del suo intervento «ma fa anche molto piacere vedere quanta gente si ferma incuriosita a osservare da vicino quello che per molti è uno sport legato quasi esclusivamente al periodo delle Olimpiadi».

L’edizione di quest’anno (organizzata ancora una volta dal team di Scherma&20 guidata dall’Avv. Joelle Piccinino) oltretutto porta con sè anche un’importante novità: per la prima volta, infatti, il flash mob vedrà la partecipazione congiunta di atleti normodotati e di atleti della scherma paralimpica, in nome di quella integrazione da anni portata avanti dalla Federazione Italiana Scherma e che proprio in questi giorni trova espressione a Jesi grazie ai Giochi Europei della scherma integrata. Ospite d’onore sarà Gabriele Leopizzi, nazionale azzurro e medaglia d’oro nel fioretto a squadre agli ultimi Mondiali Paralimpici di Roma dello scorso ottobre.

L’appuntamento è fissato per le ore 16 di domenica 9 settembre appunto all’ingresso della Galleria Vittorio Emanuele, altro luogo iconico della città. Una location inedita per il flash mob che, dopo Piazza Duomo, Piazza Gae Aulenti, la Darsena e il Castello Sforzesco – cornici delle precedenti quattro edizioni – tocca quindi un altro simbolo di milanesità.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Alessandro Gennari

 

Giochi Olimpici Giovanili 2018: Davide Di Veroli portabandiera azzurro

 

Sarà Davide Di Veroli il portabandiera dell’Italia ai prossimi Giochi Olimpici della Gioventù in programma a Buenos Aires il prossimo mese di ottobre. Lo spadista romano, che agli ultimi Mondiali Cadetti e Giovani di Roma si è laureato Campione del Mondo nella categoria Under 17 ed è stato medaglia d’argento nella prova Under 20, è stato designato oggi dalla Giunta Nazionale del Coni su proposta del Presidente Giovanni Malagò.

La delegazione italiana della scherma in gara Buenos Aires, è composta anche dai fiorettisti Martina Favaretto e Filippo Macchi, mentre saranno in totale 84 gli atleti in gara nella manifestazione che prenderà il via il prossimo 6 ottobre. Di Veroli è il primo portabandiera maschio in questa particolare kermesse, dal momento che tanto nel 2010 quanto nel 2014 erano state ragazze ad avere questo onore.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Svelato il programma Olimpico di Tokyo 2020, scherma dal 25 luglio al 2 agosto

 

Le prime gare il 25 luglio, la conclusione 9 giorni dopo, nella giornata del 2 agosto. Questo il programma della scherma alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 dove, lo ricordiamo, lo sport che ha regalato all’Italia il maggior numero di medaglie nella storia delle competizioni a 5 cerchi si presenterà per la prima volta al via con il programma completo di 12 gare, dopo la tanto sospirata cessazione del sistema della rotazione delle armi (valida per le gare a squadre ma con riflessi anche sulle rispettive prove individuali) approvata dal CIO lo scorso anno.

La schedule definitiva dell’intero evento Olimpico è stata ufficialmente svelata nella giornata di ieri 18 luglio dopo l’approvazione da parte Comitato Esecutivo dell’International Olympic Commitee. Per quanto riguarda la qualificazione (clicca qui per i criteri qualificativi della scherma) ai Giochi Olimpici, decisivo sarà l’arco temporale che parte dall’aprile 2019 fino all’aprile 2020, ivi compresi i vari campionati Continentali (l’Europeo a si terrà a Dusseldorf) e il Campionato Mondiale 2019 in programma a Budapest.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

 

 

Assegnati a Dusseldorf i Campionati Europei di scherma 2019

 

Sarà la città tedesca di Dusseldorf ad ospitare l’edizione 2019 dei Campionati Europei di scherma: l’assegnazione è stata ratificata ieri nel corso del Congresso della Confederazione Europea della scherma riunitasi a Novi Sad alla vigilia del via ai Campionati Europei di Novi Sad 2018 (clicca qui per la diretta video streaming della prima giornata di gare e qui per la guida completa all’evento).

Dusseldorf prende così il posto di Lussemburgo, costretta a ritirare la disponibilità ad ospitare l’evento. come luogo di gara di un appuntamento di estrema importanza dal momento che l’Europeo 2019 così come il Mondiale di Budapest, è qualificativo per i prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook