Spada femminile Under 20: a Federica Isola anche la classifica di Coppa del Mondo

 

La medaglia d’oro nella gara individuale di Torun ha regalato a Federica Isola anche la conquista della classifica di Coppa del Mondo complice anche lo stop imposto da Gaia Traditi alla russa Anastasia Soldatova, che guidava la classifica prima del Mondiale, negli ottavi di finale.

Per la spadista di Vercelli, si tratta del terzo trionfo consecutivo nella Coppa del Mondo Giovani dopo quelle già messe in bacheca nel 2017 e nel 2018.  Nella top 10 anche Gaia Traditi, Beatrice Cagnin e Alessandra Bozza che occupano rispettivamente la sesta, settima e ottava casella. Clicca qui per il ranking completo.

1 192 ISOLA Federica ITA 27.09.99
2 155 SOLDATOVA Anastasia RUS 05.11.99
3 146 ZHARKOVA Evgeniya RUS 11.02.00
4 140.5 CANDREVA Greta USA 27.06.02
5 117 LOIT Karoliine EST 14.12.00
6 109 TRADITI Gaia ITA 17.10.00
7 104 CAGNIN Beatrice ITA 16.04.99
8 94 BOZZA Alessandra ITA 10.02.99
9 76 SAUMOVA Manana RUS 27.12.99
10 72.5 NIXON Caroline USA 25.04.00

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

VIDEO – Spada femminile Under 20: la finale tutta italiana fra Federica Isola e Gaia Traditi a Torun

 

Una finale, mille emozioni. L’Italia della spada femminile Under 20 celebra al meglio la sua grande giornata con la doppietta firmata da Federica Isola e Gaia Traditi: per la vercellese è il coronamento di un lungo inseguimento e il migliore dei congedi dalla categoria Giovani, per la sua compagna una bellissima medaglia d’argento.

Un assalto, quello fra le due azzurre, che vi riproponiamo integralmente in video.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi

Mondiali Cadetti e Giovani: a Torun l’ultima recita delle Golden Girls della spada femminile

A Plovdiv si chiude il ciclo nelle Giovanili del baby “Dream Team” azzurro della spada femminile. Che proverà a congedarsi nel migliore dei modi possibili a livello individuale e con la squadra. Continue reading

Seconda Prova Nazionale Giovani: a Isola e Roma le gare di spada femminile e sciabola maschile

 

Dopo la prima giornata dedicata al fioretto chiusasi con le vittorie di Martina Favaretto e Francesco Pio Iandolo, a Roma è proseguito con le gare di spada femminile e sciabola maschile il programma della seconda Prova Nazionale Giovani, tappa qualificativa ai Tricolori di categoria di fine maggio a Lecce.

Fra le spadiste, ennesimo successo per Federica Isola, che in una finale tutta Aeronautica (e tutta piemontese) ha battuto Alessandra Bozza con il punteggio di 15-11. Stop in semifinale e conseguente terzo gradino del podio per Gaia Traditi e Letizia Campani.

Fra gli sciabolatori, invece, successo casalingo per Lorenzo Roma: l’atleta della Musumeci Greco, infatti, si è aggiudicato la gara battendo in finale 15-11 il padovano Matteo Cederle. A completare il podio, Luca Fioretto e Marco Elio Morone.

Oggi ultima giornata di gare, con le prove di sciabola femminile e spada maschile.

Classifiche

Spada femminile (clicca qui per la classifica completa) – 1. Federica Isola (Aeronautica Militare), 2. Alessandra Bozza (Aeronautica Militare), 3. Gaia Traditi (Fiamme Oro), 3. Letizia Campani (Pisascherma), 5. Elena Ferracuti (Accademia della Scherma Fermo), 6. Alessia Pizzini (Circolo Ravennate della Spada), 7. Gaia Curto (Accademia Scherma Marchesa Torino), 8. Margherita Calderaro (Club Scherma Roma)

Sciabola maschile (clicca qui per la classifica completa) – 1. Lorenzo Roma (Accademia d’Armi Musumeci Greco Roma), 2. Matteo Cederle (Petrarca Scherma M°Ryszard Zub Padova), 3. Luca Fioretto (Club Scherma Roma), 3. Marco Elio Morone (Club Scherma Napoli); 5. Mattia Rea (Champ Napoli), 6. Giorgio Marciano (Champ Napoli), 7. Alberto Nigri (Petrarca Scherma M°Ryszard Zub Padova), 8. Riccardo Pucci (Frascati Scherma)

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Trifiletti/Bizzi

Chicca è ancora super, Isola di nuovo sul tetto d’Europa

L’azzurra batte la Zharkova e bissa il titolo dello scorso anno. Deludono le altre azzurre, che chiudono lontane dal podio. Continue reading