Giochi del Mediterraneo: argento per Valentina De Costanzo nel fioretto femminile, spadisti giù dal podio

 

Si è chiusa con l’argento di Valentina De Costanzo nella prova di fioretto femminile la prima giornata di gare di scherma ai Campionati del Mediterraneo di Tarragona. L’azzurra è stata battuta in finale per 15-11 dalla tunisina Ines Boubakri, con il podio completato dalle francesi Jeromine Mpah-Njanga e Julie Mienville. Stop ai quarti di finale per Erica Cipressa, l’altra azzurra in gara, battuta proprio dalla De Costanzo per l’accesso alla zona podio.

Nella prova di spada maschile, si chiude ai quarti di finale la gara di rientro di Paolo Pizzo. Il siciliano è stato infatti battuto per 15-9 dal francese Romain Cannone, poi medaglia d’argento dietro allo spagnolo Yulen Pereira. Podio completato da un altro francese, Aymerick Gally, e dal marocchino Houssam Elkord. Fuori agli ottavi Valerio Cuomo, battuto dall’egiziano Elsokkary per 15-14.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Bizzi

Fioretto femminile: all’Aeronautica Militare la Coppa Europa per club

 

Si è disputata nella giornata di oggi a Bucarest la gara di fioretto femminile a squadre valida per la Coppa Europa per club. A vincere, il quartetto dell’Aeronautica Militare composto da Valentina Cipriani, Valentina De Costanzo, Francesca Palumbo ed Elisa Vardaro.

Dopo il facile esordio contro le moldave della Scoala de Scrima di Chisinau (45-8), il quartetto italiano ha proseguito il suo cammino battendo in semifinale le ucraine dell’SVSM Kiev prima di chiudere in bellezza con il 45-34 contro le padrone di casa della Steaua Bucarest. A completare il podio di giornata, l’altra squadra romena del Poli Timisoara.

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Beffa russa a Torino, Deriglazova davanti alle azzurre

La campionessa del mondo supera in semifinale Arianna Errigo e in finale Alice Volpi. Come a Lipsia. Terzo posto per Valentina De Costanzo. Una grande Favaretto nelle otto a 16 anni.

Continue reading